fbpx
email

Christmas Cookies – i biscotti di Natale

biscotti di natale

In Inghilterra, e in molte altre nazioni anglofone, biscotti si traduce biscuits
Negli States, però, troverete i biscuits sul menù insieme a carne, pesce o altre portate. Stupirsi è normale, almeno la prima volta. Poi capirete che il termine indica dei panini/focaccine. 

biscotti
Biscuits americani.

I biscotti americani sono i cookies, parola che deriva dall’olandese koekie: “piccola torta”.
L’origine del biscotto sembra risalire alla Persia del VII secolo, subito dopo che lo zucchero divenne di uso comune. Con la conquista musulmana della Spagna si sono diffusi in tutta Europa, dove già nel XIV secolo erano presenti in tutti le classi sociali, dalle cucine reali ai venditori ambulanti. Arrivarono negli USA insieme ai coloni; amaretti e di pan di zenzero erano quelli più apprezzati e popolari.

Nel periodo natalizio, è tradizione prepararne di diversi tipi e regalarli ad amici e parenti; magari confezionati in un bel sacchettino o scatola decorata a tema.

western heritage biscotti di natale 1

La notte del 24 Dicembre non dimenticate di lasciarne in vista qualcuno per Babbo Natale, meglio se accompagnati da un bicchiere di latte e qualche carota per le renne.

Curiosità

Cookie Monster (solo Cookie per gli amici) è un personaggio dell’universo Muppet. È un grande mostro dal pelo blu, le orbite degli occhi roteanti e con la voce molto roca. Ha un appetito insaziabile ed è un vorace divoratore di biscotti – il suo cibo preferito -, ma può ingerire qualsiasi cosa anche non commestibile. 

tenor
Cookie nella sua attività preferita.

Il 4 dicembre ricorre il National Cookie Day, istituzionalizzato nel 1987 da Matt Nader della Blue Chip Cookie Company di San Francisco.

Fonti:
National Day Calendar; Country Living; Home Cooking Memories; The Recipe Critic; Gimme some oven, Love Foodies, Evermine.

Gingerbread cookies – omini pan di zenzero

western heritage omini pan di zenzero 1

Ingredienti 

  • 400 g  di farina tipo 0
  • 170 g di burro ammorbidito a temperatura ambiente
  • 110 g di zucchero di canna integrale (quello scuro)
  • 1 uovo grande
  • 170 g di miele
  • 1 bustina di vanillna
  • 1 cucchiaio di zenzero in polvere
  • 3/4 di cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
  • 1/2 cucchiaino di noce moscata in polvere
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • la scorza grattugiata di una piccola arancia (facoltativa)

Per la glassa

  • 4 cucchiai di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di acqua
  • qualche goccia di succo di limone
  • colorante a scelta

Istruzioni

In una ciotola capiente miscelare farina, spezie, bicarbonato e sale.
In un altro recipiente, usando le fruste elettriche, sbattere il ​​burro con lo zucchero a velocità medio-alta fino a quando non diventa leggero e spumoso. Aggiungere l’uovo, il miele, la vanillina, la scorza d’arancia e continuare a velocità media, facendo  amalgamare il tutto. 

Ridurre la velocità al minimo e versare la miscela di farina poco per volta. Quando il composto sarà uniforme e senza grumi, avvolgerlo nella pellicola e far raffreddare in frigorifero tutta la notte o almeno per 3 ore. Preriscaldare il forno a 180°C e rivestire una teglia con carta da forno.
Infarinare il mattarello e la superficie di lavoro, stendere l’impasto fino a ottenere uno spessore di circa 5 mm. Utilizzando gli stampini, formare i biscotti.
Cuocere per 10-12 minuti; sfornare e lasciare raffreddare.
Una volta che i biscotti sono a temperatura ambiente, decorarli a piacere con la glassa e/o eventuali confettini.

Per fare la glassa
Unire pian piano l’acqua allo zucchero, deve formarsi un composto bianco e molto denso, aggiungere quindi qualche goccia di limone e il colorante preferito. Se la glassa è troppo liquida aggiungere un po’ di zucchero a velo. Al contrario, se troppo densa, aggiungere acqua. 
Usare una sac à poche, o un cono di carta forno per decorare a piacere.

Candy cane cookies – bastoncini di zucchero

western heritage bastoncini di zucchero 1

Ingredienti

  • 150 g di burro
  • 100 g di zucchero
  • 200 g di farina tipo 0
  • 100 g di farina di mandorle
  • 1 bustina di vanillina 
  • 4 cucchiaini di sciroppo alla mente (o 1 cucchiaino di estratto di menta piperita)
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • colorante alimentare rosso (meglio in gel)
  • 2 cucchiai di caramelle alla menta confettate (tipo Tic-Tac)
  • 2 cucchiai di zucchero semolato

Istruzioni

In una ciotola capiente, usando le fruste elettriche, sbattere il ​​burro, lo zucchero, gli aromi e l’uovo; quando sono ben amalgamati incorporare la farina, il lievito e il sale continuando a mixare.
Dividere l’impasto a metà. Aggiungere il colorante alimentare rosso a una delle due, dosandolo poco per volta fino ad ottenere il colore desiderato. Avvolgere ogni porzione nella pellicola trasparente e metterla in frigorifero per 3-4 ore.

Con un pestello, o un batticarne, frantumare le caramelle alla menta. Per evitare che si sparpaglino ovunque vi suggerisco di metterle dentro a un sacchetto per alimenti. Una volta sbriciolate, unite due cucchiai di zucchero semolato, e volendo un po’ di colorante. Tenere da parte.

Preriscaldare il forno a 180 °C.
Prelevare una piccola quantità da ogni impasto e formare due filoncini di uguali dimensioni. Affiancarli e iniziare a torcere i due colori insieme, premendo contemporaneamente le estremità in modo che non si dividano. Posizionarli su una teglia rivestita con carta forno, curvando la parte superiore per formare l’aspetto di un bastoncino. 
Cuocere per  circa 10 minuti o finché non saranno leggermente dorati. 
Cospargere subito i biscotti con la miscela di caramelle e zucchero. 
Lasciar raffreddare completamente.

Suggerimenti

Per entrambe le ricette è importante lavorare velocemente l’impasto per non scaldarlo troppo. Vi consiglio, una volta formati i biscotti, di riporre la teglia in frigorifero per 15-20 minuti prima di infornare.

Lascia un commento

Articoli correlati

pulled-pork

PULLED PORK – Il maiale sfilacciato

Come recita un famoso detto popolare: “del maiale non si butta via niente”. Ogni parte viene sfruttata al meglio per essere trasformata in salumi freschi

Condividi l'articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni