fbpx

CONVOY – Trincea d’asfalto

convoy

“Convoy” è un cult movie del regista americano, di origine indiane, Sam Peckinpah. Girato nel lontano 1978, narra l’epopea di un camionista solitario e idealista.

Il protagonista, che viene soprannominato “Anatra di Gomma” in funzione dell’ornamento installato sul muso del camion, è interpretato da Kris Kristofferson, affascinante e carismatico attore e cantautore country. 

Egli guida un possente Mack a cabina arretrata (conventional nel linguaggio gergale) ed è in collegamento attraverso la radio CB [1] con un amico di vecchia data chiamato “Maialotto”, nickname attribuito per la tipologia dei trasporti effettuati: suini vivi.

convoy POSTER 1
Poster di copertina del film

I nostri eroi si ritrovano a difendere l’autista di colore “Spider Mike”, caduto in una trappola stradale, orchestrata dallo sceriffo “Papà Orso” interpretato dall’inossidabile caratterista Ernest Borgnine.

Impossibilitato a pagare per la mancanza di contante, una multa per eccesso di velocità si trasforma in una denuncia per vagabondaggio. Dopo una sonora scazzottata in una stazione di servizio, i camionisti si danno alla fuga.

Ad Anatra di Gomma si unisce come compagna di viaggio Melissa, un’affascinante fotografa rimasta in panne con la sua Jaguar nell’area di servizio (Ali Mc Graw, già vista in Getaway sempre di Peckimpah). 

Una semplice situazione crea le premesse di un action movie on the road: la fuga dallo stato dell’Arizona, mirata a uscire dal raggio d’azione della giurisdizione dello sceriffo, diventa l’evento scatenante di un gesto simbolico.

Ai tre camion si uniscono un’infinità di eighteen wheelers [2] e di altri soggetti richiamati, lungo il percorso, dall’eco dei media che focalizzano l’attenzione su questo gesto.

Convoy film web1280
La carovana degli “Eighteen Wheelers”

Ulteriore scena epica, che ne ha fatto un cult movie, è la liberazione di Spider Mike dalla prigione fatta senza scendere dai camion.

Dall’Arizona si passa al New Mexico per finire in Texas attraverso le vecchie blue highways che attraversano la provincia americana garantendo allo spettatore infinite emozioni suscitate dagli spazi aperti e dalla ricerca di libertà. La mèta finale sarà il Messico, ma non vado oltre.

convoy police
La scena in cui “Papà Orso” viene schiacciato tra due Truck

I camionisti sono descritti come moderni cowboys accompagnati non più dai loro fidati ronzini, bensì da possenti e sfavillanti trucks catapultati in un western dei nostri tempi.

Tutti i critici cinematografici vedono nell’opera di Peckimpah, famoso per una manciata di western anomali, visionari, crepuscolari e di una violenza realistica quali “Il mucchio selvaggio” e “Pat Garrett & Billy the Kid” o di drammi western legati al mondo dei rodei come “L’ultimo buscadero” o al tema della fuga come “Getaway”, quella di un completo outsider del cinema americano.

Un’altra chiave di lettura è sicuramente la colonna sonora del movie orientata verso la country music. La title track [3] è la coinvolgente “Convoy” interpretata da G.W. McCall che possiamo a pieno titolo inserire nel fascicolo delle truck driver songs [4].

A ruota, ed è proprio il caso di dirlo, troviamo tra i vari interpreti canzoni quali “Okie from Muskogee” di Merle Haggard, “Keep on the Sunny Side” della Carter family e anche “Lucille” di Kenny Rogers.

Gli attori calzano a pennello i personaggi che interpretano. Viene data molta evidenza alla tematica della minoranza etnica (il pestaggio di Spider Mike e il personaggio della donna autista con il nickname “La Vedova Nera”) e al sottile razzismo che pervade la relazione tra istituzioni e cittadino, tematica attuale ancora oggi.

Sarebbe interessante vedere il movie nella versione completa di oltre 3 ore, quella distribuita nelle sale cinematografiche è di solo 115 minuti.

La frase slogan che a tutti rimarrà impressa, tra i dialoghi realisticamente scurrili che intercorrono tra i CB dei camionisti, è questa: “Nella vita contano i supercamion, le superdonne e il supermangiare”.

Detto tutto ciò è il caso di rivedere il DVD.
Tutti gli amanti della cultura western o meglio della cultura americana in genere dovrebbero averlo in bella vista in salotto?
Io direi proprio di sì!
Play DVD! Che sia la prima o l’ennesima volta, di certo non sarà l’ultima.

[et_pb_section fb_built=”1″ admin_label=”section” _builder_version=”4.4.2″ custom_padding=”0px|0px|0px|0px|false|true”][et_pb_row column_structure=”1_2,1_2″ make_equal=”on” admin_label=”row” _builder_version=”4.4.2″ background_size=”initial” background_position=”top_left” background_repeat=”repeat” width=”100%” max_width=”100%” custom_padding=”20px|20px|20px|20px|true|true” hover_enabled=”0″ custom_css_main_element=”align-items: center;” border_radii=”on|6px|6px|6px|6px” border_width_all=”2px” border_color_all=”#eaeaea” use_custom_gutter=”on” gutter_width=”1″][et_pb_column type=”1_2″ _builder_version=”4.4.2″][et_pb_text _builder_version=”4.4.2″ header_3_font_size=”28px” text_orientation=”center”]

Acqusita il DVD di CONVOY – Trincea d’asfalto

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_2″ _builder_version=”4.4.2″][et_pb_code _builder_version=”4.4.2″ text_orientation=”center” hover_enabled=”0″][/et_pb_code][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

NOTE

[1] CB è la versione inglese dell’espressione  Banda cittadina che identifica una banda di frequenza aperte all’uso privato collettivo in ambito cittadino.

[2] Gergo per identificare i truck americani per il numero complessivo delle ruote (18= eighteen) che compongono il trattore e il semirimorchio.

[3] Traccia del titolo. Canzone di punta che dà il titolo all’album o ad un film.

[4] Truck driver songs sono canzoni idealmente perfette per accompagnare i lunghi viaggi dei camionisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Jessica Lynn

Jessica Lynn – intervista

Considerata tra le nuove stelle nascenti della musica Country, Jessica Lynn è una cantante con una potenza vocale non comune,  autrice con infinite doti di

Dolly Parton Netflix

Heartstrings: perché guardare la serie di Dolly Parton su Netflix

Heartstrings, la serie TV prodotta da Netflix basata su alcune canzoni scritte da Dolly Parton e ispirata al podcast “Dolly Parton’s America” di WNYC, è un must irrinunciabile per gli amanti della musica Country: ecco perché non perderla.

Condividi l'articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni