fbpx

Guida per italiani al vocabolario del profondo Sud

Guida per italiani al vocabolario del Profondo Sud

La gente del “Deep South” ha un sacco di modi con i quali ama definirsi: Redneck, Hillbilly e persino White Trash.
Ognuno di questi termini ha una sua storia, tuttavia il minimo comune denominatore è sempre mandare lo stesso messaggio: ESSERE POVERI FA SCHIFO. 
Questo perché al Sud ci sono diversi modi di “essere poveri”, quindi ne servono altrettanti per dirlo.
Gli americani sono abituati ad usare questi termini nelle frasi, dandogli lo stesso significato, ma c’è una grande differenza, quindi via con l’analisi!

Redneck (collo rosso)

redneck collo rosso

Qui ci vengono subito in mente chiari concetti: il classico bevitore di birra, casinista, sempre arrabbiato e che fatica a tirare a fine mese.
Alcuni dicono che il termine ha origine da un gruppo di minatori in sciopero che indossavano delle “bandane rosse” per riconoscersi e per individuare i crumiri da legnare.
Versione interessante, per chi vuole darsi del duro con sani valori.
Poi c’è il significato più ovvio. Il “collo rosso” ti viene lavorando nei campi tutto il giorno.
Quindi è stato facile per la gente accettare questo termine. Tosti lavoratori e difensori dei propri diritti: qualcosa per cui andare fieri.

poster battle of blair mountain
Tra il 1912 ed il 1921 insurrezioni dei minatori presero il nome di Mine Wars.


Ma non facciamoci fregare, lI termine è totalmente un insulto.
Nei tempi che furono, “redneck” era un nomignolo dispregiativo per identificare la bassa classe sociale dei bianchi, quella che non possedeva schiavi ed era costretta a fare una cosa molto degradante: LAVORARE!

Hillbilly

Anche questo termine ha una lunga storia.
Alcuni esperti lo datano nel 1700, come termine usato dai sostenitori scozzesi di re WILLIAM III, che vivevano sulle colline nella catena degli Appalachi.

Hillbilly
William III d’Inghilterra. Principe d’Orange, Stadholder d’Olanda, Zelanda, Utrecht, Guelders e Overijssel nella Repubblica dei Paesi Bassi e Re d’Inghilterra, Irlanda e Scozia.


C’è da pensare che “Hill-Williams” non suonasse tanto bene, quindi un vezzeggiativo era decisamente meglio.
Hillbilly è un concetto divertente perché il suo significato cambia in base a chi sei.
Se sei un redneck, è un insulto, tipo che sei uno bifolco che si accoppia coi cugini e che vai in giro scalzo. Ma se sei uno di loro, significa che sei una sorta di MacGyver rurale, che se ne intende di clogging e di vero bluegrass, a differenza di qualche “stupido redneck”.

Sam sud
Sam, un vero hillbilly della Virginia.

Nota: molti dei “poveracci” del Sud hanno accettato termini come Redneck o Hillbilly, ma una cosa divertente è che poi anche la gente ricca se n’è appropriata, che ai primi sembra quasi una sorta di furto di proprietà intellettuale!

White Trash (immondizia bianca)

L’etimologia parla chiaro come “burro di noccioline”, dice esattamente ciò che è.
Pur trattandosi di un evidente insulto ai bianchi, risulta persino più diffamante verso la gente nera: nella società dei bianchi, che di natura non sono immondizia, i suprematisti hanno sentito l’esigenza di creare un termine per definire chi, economicamente e socialmente, non viveva all’altezza della loro “bianchitudine”.

White Trash Sud
Quando non servono le parole.

Ecco, ora avete la vostra personale guida alle sottili differenze tra i più famosi epiteti della gente del Sud, usateli responsabilmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Johnson County War

Johnson County War

Lo stato del Wyoming affascina per i grandi paesaggi, la natura incontaminata, le bellezze naturali, la flora e la fauna selvatica e per il calore

buck owens

Buck Owens e la storia del Bakersfield sound

Nashville West identifica la polverosa città californiana di Bakersfield che si trova nell’entroterra del Golden State e che basa la propria floridità sul business dedito

the dust bowl

The Dust Bowl

Tra le tante convinzioni, due sembrano essere così radicate da apparire vere da sempre: che gli Stati Uniti siano la terra del “milk and honey”,

Condividi l'articolo!

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni