fbpx
email

Io non ho il televisore

Io non ho il televisore

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Io scelgo da solo. 

Io non ho il televisore, la radio o lo smartphone. Io nutro il mio sapere dai rumors.

Oggi la riflessione si incentra proprio su questa opportunità.

Siamo ancora capaci di scegliere? La nostra lucidità davvero ci permette di analizzare ogni ragione di una scelta? 

Io credo proprio di no! 

Siamo costretti a scegliere, siamo invitati a farlo e talvolta nemmeno quello. Soprattutto siamo condizionati nelle nostre scelte dalla forza dirompente e interessata dei media. 

In sostanza scegliamo solo dopo un attento lavaggio del cervello da parte degli organi di informazione che non lasciano spazio alla possibilità di avere una propria opinione.

Così  annegando e rinnegando le ideologie per cui i nostri padri si sono battuti, i media ci ingolfano di odio e repulsione nei confronti dell’avversario di cui non è più importante conoscere la filosofia delle scelte, ma conta solo ed esclusivamente lo status di avversario. 

Ecco che ogni mossa, parola o scelta viene contestata a priori togliendoci la possibilità di ragionare, capire, comprendere e, scusate se è poco, impedendoci di vedere se le  stesse avrebbero prodotto un beneficio o meno.

Veniamo invitati inconsciamente ad essere paladini di una verità che dobbiamo difendere ad ogni costo a favore di un apparente integrità morale non maturata consapevolmente.

O stai di qua o di là. Se stai di qua, si fa così. Se di là, si fa così. 

No! Io voglio vedere com’è di là. Voglio attraversare quelle praterie, vedere se trovo più cibo o caverne per ripararmi d’inverno. Voglio decidere dove stare. Da solo! Non mi basta sentire che di là ci sono dirupi e sterpi in ogni dove. Io lo voglio vedere. 

Ogni giorno c’è qualcuno che si elegge professore in tuttologia, attraverso i social e non solo, ci imbottisce di una verità che è solo sua, apparentemente senza alcun fine, in realtà per il piacere di condizionare il non pensiero.

Io vi invito a seguire il mio esempio:  toglietevi per un mese ogni tipo di strumento dal quale attingere informazioni e vivete il tempo coltivando i vostri pensieri e passioni. 

Vi accorgerete ben presto di essere più forti e liberi. Consapevoli che le scelte effettuate sono dettate solo ed esclusivamente dai vostri bisogni e aspirazioni.  

Non ci riuscite?

Datevi il tempo di crearvi, elaborando le informazioni, una vostra ponderata opinione!

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Seguici

Articoli correlati

Lascia un commento

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti per rimanere aggiornato sulle prossime pubblicazioni

Condividi l'articolo

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email