fbpx

Mississippi Mud Cake – il fango più dolce del mondo

Mississippi Mud Cake

Durante una tappa a Vicksburg in Mississippi, ho cenato in un ristorante locale. Entrando sono passata davanti al banco dei dolci e il mio sguardo si è posato su questo rettangolo lussureggiante e cioccolatoso, farcito con uno strato di crema bianca: sul cartellino c’era scritto “homemade Mississippi mud cake”. Non l’avevo mai vista prima e per tutta la durata della cena ne ho sentito il richiamo ammaliante come quello delle sirene di Ulisse. Ho deciso di non opporre resistenza e l’ho ordinata.
Il primo boccone mi ha lasciato sorpresa: quella che credevo fosse panna si è rivelato marshmallow!
Dovevo avere un’espressione veramente stupita, perché gli altri commensali mi hanno chiesto:
– Tutto ok? È buona?
– È buona, è molto buona!

Immaginate una morbida torta al cioccolato, aggiungete uno strato di marshmallows sciolti e ricoprite tutto con una corposa crema al cioccolato: ecco la Mississippi Mud Cake.

Mississippi Mud Cake
MIssissippi Mud Cake del Rusty’s River Front Grill

È doveroso precisare la differenza tra pie e cake: entrambi i termini vengono tradotti come torta, ma sono dolci di tipo diverso. Con pie si intendono quelle che prevedono una sorta di involucro: ad esempio la crostata o la cheesecake, in cui la pasta frolla o i biscotti fanno da guscio alla crema. Vengono denominate cake le tipologie con una texture più spugnosa: tipo il classico ciambellone o il pan di spagna. 

La maggior parte delle ricette di Mississippi Mud che si trovano in internet, sono in realtà delle pie, prevedono infatti una base di biscotti sbriciolati, mentre la versione cake ha l’impasto di una torta al cioccolato.

Differenza tra pie e cake

Come molti piatti famosi e amati, le origini della torta di fango del Mississippi non sono chiare: questo dessert ha una storia torbida pari alle acque dell’omonimo fiume.
Alcuni pensano sia la rivisitazione degli anni ’70, periodo in cui ha raggiunto grande popolarità, di una versione nata durante la Seconda Guerra Mondiale. Le casalinghe parsimoniose di allora, avrebbero sviluppato la ricetta della Mud Cake cercando di preparare un dessert con ingredienti economici e facilmente reperibili in tempo di guerra.

Altre fonti affermano che sia stata inventata nella zona di Vicksburg-Natchez molto tempo prima. Jenny Meyer faceva la cameriera a Vicksburg durante la fine degli anni ‘20, sembra sia stata sua l’idea di accostare la torta alle rive fangose ​​del fiume; paragone dovuto anche alla copertura di cioccolato densa e scura.
La Mississippi Mud cake/pie è stata reinterpretata innumerevoli volte con risultati diversi ma sempre apprezzati.

Mississippi Mud in diverse forme e versioni

La ricetta che vi propongo fa parte della categoria cake, ha ingredienti e quantità molto simili a quelle pubblicate negli anni ’70. 

Ricetta Mississippi Mud Cake

Ingredienti per 6 porzioni

Base 

  • 150 g di burro morbido
  • 200 g di zucchero
  • 30 g cacao amaro in polvere 
  • 70 g cioccolato fondente
  • 2 uova
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o vanillina)
  • 120 g di farina 00 
  • 8 g di lievito per dolci
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 100 g di noci pecan (o normali) tritate grossolanamente

Farcitura

  • 350 g di marshmallows (o in crema) 
  • 4 cucchiai di acqua

Copertura 

  • 115 g di burro 
  • 25 g di cacao amaro in polvere 
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia (o vanillina)
  • 60 g zucchero a velo
  • 4 cucchiai di latte condensato 
  • 10 g di amido di mais
  • Pizzico di sale
Marshmallows

Istruzioni

Sciogliere il cioccolato con il burro a bagnomaria e lasciare intiepidire. 
In una ciotola miscelare tutte le polveri.
In un altro recipiente sbattere le uova con lo zucchero ottenendo una crema omogenea, aggiungere il composto di cioccolato e burro amalgamando bene. 
Incorporare il mix di polveri poco alla volta continuando a mescolare per evitare grumi. In ultimo aggiungere le noci tritate.
Versare l’impasto in una tortiera imburrata, preferibilmente con stampo a cerniera, sarà più facile da sformare.
Cuocere in forno già caldo a 180° per 30-35 minuti.

In un recipiente adatto al microonde, posizionare i marshmallows e 4 cucchiai di acqua, azionare alla massima potenza per 30 secondi. Continuare 20/30 secondi alla volta fino a quando saranno completamente sciolti. In alternativa potete scioglierli in una pentola a fuoco molto dolce, aggiungendo sempre poca acqua.
Con l’aiuto di una spatola, distribuire la crema di marshmallows su tutta la superficie della torta appena tolta dal forno. Si consiglia di ungere la spatola con burro, la crema scivolerà più facilmente.
Lasciare raffreddare completamente (almeno 2 ore), estrarre dallo stampo e posizionare su una griglia o su carta forno.

Preparare la copertura mettendo in un pentolino tutti gli ingredienti, cuocere a fiamma bassa continuando a mescolare. Quando inizierà a rapprendersi, spegnere il fuoco e versare sulla torta coprendo tutta la superficie.
Lasciare raffreddare e mettere in frigorifero un paio di ore per far solidificare bene la copertura. Togliere dal frigo e servire a temperatura ambiente.

Mississippi Mud Cake
Mississippi Mud pronta per l’assaggio

Video ricetta – Mississippi Mud Cake

Autore: Sarah Cattai

Nata a Milano ma con forti radici venete ed emiliane, che spesso riaffiorano prepotenti nell’esigenza di tornare in quei luoghi, da una parte, e nel preparare tortellini e torta fritta, dall’altra.

L’amore per gli USA penso sia sempre stato parte di me.
A 9 anni sognavo di dormire trascinata da un cavallo come Terence Hill e vivere in quel mondo tra saloon e cowboys.
A 13 anni presumo di aver frantumato la pazienza di mio padre nel chiedergli insistentemente di portarci in America.
A Bryce Canyon City, durante una piccola festa locale, ho visto il mio primo rodeo. Giunto il momento di andare via, avevo il magone.
Amo la musica, il two-step, la birra, i cavalli e i cowboy hats & boots. Soprattutto mi affascina ascoltare aneddoti di vita vissuta e curiosità inerenti il mondo Country-Western. Se mi vedete con gli occhi luccicanti, non preoccupatevi, è normale!

Il mio credo è riassumibile in questo verso di Tim McGraw:
“'Cause the love and the laughter will live on long after all of the sadness and the tears”,
“Perché l'amore e le risate sopravvivranno a lungo oltre tutta la tristezza e le lacrime”.

Articoli correlati

SLOPPY JOE – Iowa, Cuba e Hemingway

SLOPPY JOE – Iowa, Cuba e Hemingway

Alcuni cibi hanno nomi sfortunati, come gli strozzapreti. Altri sono deliziosi ma esteticamente brutti, lo scorfano ne è un esempio. E poi ci sono i vincitori della categoria, quelli che uniscono...

Jambalaya (on the Bayou)

Jambalaya (on the Bayou)

“Jambalaya and a crawfish pie and fillet gumbo”: inizia così il ritornello dell’omonima canzone Jambalaya (on the Bayou). La citazione riporta i nomi di tre pietanze tipiche della Louisiana, uno...

Hash Browns – la crosticina che fa la differenza

Hash Browns – la crosticina che fa la differenza

Oggi Hash Browns è il nome comunemente adottato per indicare le patate sminuzzate e abbrustolite. Sono così popolari che è difficile non compaiano nei menù dei ristoranti americani. Sia che vi...

Commenti

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Vuoi ricevere notfiche sui prossimi articoli?

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su tutti i contenuti che pubblicheremo!

Privacy Policy

Grazie per esserti iscritto!

Condividi l'articolo!